7 Gennaio 2021

Transizione 4.0: confermato fino al 2022 il piano incentivi con i crediti di imposta

Tutte le novità su credito investimenti, ricerca sviluppo e innovazione, formazione 4.0

Con la pubblicazione in Gazzetta della L. 178/2020 diventa operativo e viene confermato l’assetto individuato dalla bozza di Manovra pubblicata qualche mese fa. Seppure il MISE aveva proposto e pubblicato una sintesi delle novità che sarebbero subentrate con il nuovo anno, l’alea di incertezza (e speranza) sul nuovo assetto, ha fatto sì che fino alla legge di recente emanazione, rimanesse un minimo dubbio.

In questa sede affrontiamo i nuovi crediti di imposta confermati fino al 2022.

ART. 1 commi dal 1051 al 1062 – Credito di imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

La platea di beneficiari continua ad essere omnicomprensiva, essendo la misura riconosciuta “a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione regime fiscale di determinazione del reddito dell’impresa”.

Quello che cambia è l’arco temporale di riferimento. Occorre partire da una premessa: a seconda della tempistica di realizzazione/prenotazione dell’investimento, sono riconosciute percentuali differenti.

Si parte infatti dal 16 novembre 2020 e non dal solito 1 Gennaio (2021). Sul punto Eutekne ha mostrato la propria incertezza circa l’assenza di disposizioni di coordinamento che potrebbe dare luogo a incertezze circa l’individuazione dell’effettiva realizzazione dell’investimento.

L’investimento dovrà poi avvenire:

  • entro il 31 dicembre 2021, ovvero entro il 30 giugno 2022, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2021 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione; oppure
  • entro il 31 dicembre 2022, ovvero entro il 30 giugno 2023, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione.

A seconda della finestra temporale in cui ricade l’investimento si applicheranno aliquote differenti.

Restano come requisiti per l’accesso al credito il rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e l’adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.

Cambiano anche le categorie di beni:

  1. beni strumentali materiali diversi da quelli indicati nell’allegato A e beni strumentali immateriali diversi da quelli indicati nell’allegato B.

    Per i beni strumentali materiali il limite massimo di costi ammissibili pari a 2 milioni di euro; per gli immateriali è fissato ad un milione di euro. Misura del credito di imposta: a cavallo tra il 2020 ed il 2021-22, la percentuale è pari 10% del costo; nel 2022-2023 la percentuale scende al 6%. E’ ammessa anche la locazione finanziaria.

    Utilizzo del credito: tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di entrata in funzione dei beni. MA SE L’INVESTIMENTO RIENTRA NELLA PRIMA OPZIONE TEMPORALE ED IL CONTRIBUENTE
    HA UN VOLUME DI RICAVI O COMPENSI INFERIORI A 5 MILIONI DI EURO PUO’ COMPENSARE IL CREDITO IN UN’UNICA QUOTA ANNUALE.

    C’è un ulteriore novità: nel caso in cui gli investimenti avvengano a favore di strumenti e dispositivi tecnologici per la realizzazione in impresa di forme di lavoro agile, allora la misura del credito aumenta al 15% degli investimenti sostenuti, ma solo per il 2021.
  2. Beni strumentali nuovi indicati nell’allegato A.

    Misura del credito: per il 2021 l’aliquota è pari al 50% del costo, per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro, al 30%, per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni e fino a 10 milioni di euro e al 10%, per la quota di investimenti superiori a 10 milioni e fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro.

    Per l’esercizio 2022 risulta invece del 40%, per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro, del 20%, per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni e fino a 10 milioni di euro e del 10%, per la quota di investimenti superiori a 10 milioni e fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro.

    Utilizzo del credito: tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di avvenuta interconnessione dei beni.
  3. Beni ricompresi nell’allegato B.
    Misura del credito: Sia per il 2021 che per il 2022 la percentuale riconosciuta è del 20% del costo, nel limite massimo di costi ammissibili pari a 1 milione di euro.

    Utilizzo del credito: tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di avvenuta interconnessione dei beni.

    Novità: Si considerano agevolabili anche le spese per servizi sostenute in relazione all’utilizzo dei beni dell’allegato B tramite soluzioni di cloud computing, per la quota imputabile per competenza.

Circa gli oneri documentali (possesso delle fatture e degli altri documenti attestanti l’acquisizione dei beni), viene ribadito l’obbligo di apporre su tutti i documenti inerenti gli investimenti il riferimento normativo, nello specifico il riferimento ai commi dal 1054 al 1058 art. 1 della L. 178/2020.

Gli investimenti in beni strumentali contenuti negli allegati A e B, richiedono alle imprese una perizia asseverata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali o un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato, da cui risulti che i beni possiedono caratteristiche tecniche tali da includerli nei rispettivi allegati, oltre a dichiarare l’interconnessione al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.

Solo se i beni hanno un costo unitario inferiore a 300.000 €, è sufficiente una dichiarazione resa dal legale rappresentante.

Il Consiglio OPEN

L’incremento percentuale ha una durata relativamente breve, occorre valutare strategicamente la territorialità del proprio investimento e la possibilità di cumulo con diverse altre misure (vedi la Nuova Sabatini e il Bonus Sud).

Ricordiamo anche le ultime pronunce comunitarie circa la cumulabilità tra credito investimenti e altre misure come il PSR, sancita nel limite delle percentuali disposte dall’allegato II del Regolamento UE. In questi casi, non essendo sopravvenuta diversa specifica, si consiglia di valutare attentamente l’alternativa tra le varie misure e la convenienza di una cumulabilità limitata.

Credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo, innovazione, ideazione estetica

In questo caso la normativa precedente resta invariata nella sua struttura teorica. Rimangono quindi, almeno fino al 2022, i tre crediti differenziati tra le attività di R&S, piuttosto che innovazione o ideazione estetica.

Ciò che viene rimodulato sono le aliquote:

a. nel caso di investimenti in ricerca e sviluppo l’aliquota passa dal 12 al 20%, con un aumento dell’ammontare massimo di beneficio spettante da 3 a 4 milioni di euro;

b. nel caso di investimenti in innovazione tecnologica e in design e ideazione estetica si passa invece dal 6 al 10% , con un aumento dell’ammontare massimo del beneficio spettante da 1,5 a 2 milioni di euro;

c. per gli investimenti in innovazione tecnologica finalizzati alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati per il raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale, l’aliquota cresce fino al 15%, con un aumento del credito massimo spettante di 2 milioni di euro.

Viene inserito l’obbligo di asseverare la relazione tecnica per assicurare maggiore certezza alle imprese sull’ammissibilità delle attività svolte e delle spese sostenute.

Confermata la possibilità per le aziende agricole con reddito fondiario di accedere al credito di imposta RS. Facendosi infatti riferimento al reddito dell’impresa (comma 1064), e non disponendo la rilevanza del regime fiscale di determinazione del reddito, appare palese l’inclusione delle aziende agricole. Sarebbe comunque opportuno ci fosse una specifica a carattere interpretativo per evitare qualunque tipo di dubbio.

Il consiglio OPEN

Se l’azienda è locata in alcune regioni del Meridione (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) ed i progetti realizzati sono configurabili nell’ipotesi Ricerca e Sviluppo pura (escludendo quindi Innovazione ed Ideazione estetica) le percentuali sono nettamente superiori. Il credito infatti spetterà:

  • nella misura del 25 per cento per le grandi imprese che occupano almeno duecentocinquanta persone, il cui fatturato annuo è almeno pari a 50 milioni di euro oppure il cui totale di bilancio è almeno pari a 43 milioni di euro;
  • in misura pari al 35 per cento per le medie imprese, che occupano almeno cinquanta persone e realizzano un fatturato annuo di almeno 10 milioni di euro;
  • nella misura del 45 per cento per le piccole imprese che occupano meno di cinquanta persone e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro.

Credito di imposta Formazione 4.0

Viene esteso fino al 2022 con un ampliamento dei costi ammissibili.

Vengono infatti fatte ricomprendere:

a) le spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;

b) i costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione. Sono però escluse le spese di alloggio (ad eccezione delle spese di alloggio minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità);

c) i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;

d) le spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

Il consiglio OPEN

la formazione e le competenze continuano a rivelarsi fondamentali per il prossimo anno, vedi anche gli investimenti in beni strumentali per il telelavoro. Ricordiamo che la formazione è erogabile anche in modalità telematica (nel rispetto di alcuni requisiti).

Sembrerebbe quindi possibile coprire i costi dei device acquisiti non solo con il credito investimenti, ma anche con il credito formazione, naturalmente per le ore dedicate all’attività formativa.

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta aggiornato


Contatta Open

La nostra esperienza al tuo servizio


Scrivici per una consulenza gratuita Chiama e chiedi informazioni