1 Aprile 2021

Nuovo Bando Macchinari Innovativi

Ad aprile l’apertura del nuovo sportello per gli investimenti nel meridione

Con il fine di sostenere investimenti innovativi finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale e l’economia circolare, il MISE ha reso note le modalità operative per partecipare al nuovo sportello del Bando Macchinari Innovativi.

Lo stanziamento di risorse, a valere sul POR-FESR 2014-2020 è pari a 132,5 milioni di euro.

Beneficiari

La misura di rivolge alle PMI di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia che:

  • Risultano regolarmente costituite e iscritte al Registro delle Imprese;
  • Vantano un regime di contabilità ordinaria e dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati;
  • Sono in regola con le normative vigenti nelle materie di urbanistica, lavoro, salvaguardia ambientale e contribuzione;
  • Non hanno effettuato delocalizzazioni nei due anni precedenti la domanda;
  • Non risultano essere qualificabili come imprese in difficoltà.

La domanda può essere proposta sia singolarmente, sia tramite ATS, da un massimo di 6 imprese.

Possono partecipare anche i liberi professionisti, iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali.

Circa i settori di riferimento, possono presentare domanda le aziende manifatturiere, fatta eccezione per i seguenti settori: siderurgia, estrazione del carbone, costruzione navale, fabbricazione delle fibre sintetiche, trasporti e relative infrastrutture, produzione e distribuzione di energia e relative infrastrutture.

Sono altresì ammesse le attività di servizi alle imprese.

Attività ammissibili

I programmi di investimento devono riguardare immobilizzazioni materiali e immateriali nuove, ammortizzabili e capitalizzate che vengano mantenute per almeno tre anni dalla data di erogazione a saldo delle agevolazioni. Nello specifico deve trattarsi di macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali.

Circa i costi di investimento:

  • In caso di domanda singola, i progetti devono prevedere spese comprese tra i 400 mila euro e i 3 milioni di euro;
  • In caso di domanda aggregata, la soglia può essere rispettata dalla sommatoria delle singole spese, purchè ogni soggetto partecipi con investimenti di misura non inferiore a 200 mila euro.

I progetti dovranno essere ultimati in un tempo non superiore a dodici mesi ed essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni..

Agevolazioni

E’ previsto un mix agevolativo dato da un contributo in conto impianti e un finanziamento agevolato a tasso zero, a seconda della dimensione di impresa:

  • Per le micro e le piccole imprese, è riconosciuto un 35% di contributo e un 40% di finanziamento agevolato;
  • Le medie hanno diritto ad un 25% di contributo e un 50% di finanziamento agevolato.

Il finanziamento non è assistito da garanzie e deve essere restituito in un periodo di sette anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni.

Tempistiche e iter di domanda

La domanda andrà presentata in due step:

  • Una prima compilazione, da effettuarsi dal 13 aprile 2021;
  • L’invio della domanda, a partire dal 27 aprile 2021.

In ogni caso, sia si promuova domanda singolarmente, sia tramite un ATS, non sarà possibile presentare più domande.

Le domande verranno valutate in ordine cronologico e anche in base al merito della proposte.