13 Febbraio 2020

Legge di Bilancio 2020: importanti novità su imposte e agevolazioni

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.304 la L. 160/2019 (c.d. Legge di Bilancio 2020) che introduce importanti novità in merito a imposte e agevolazioni, tra cui:

  • imposta sui servizi digitali (digital tax);
  • imposta sul consumo dei manufatti con singolo impiego, abbreviato in MACSI ( plastic tax);
  • imposta sul consumo delle bevande analcoliche (sugar tax);
  • detrazioni fiscali per interventi di efficienza energetica.

Imposta sui servizi digitali

L’imposta sui sevizi digitali si applica sui ricavi derivanti dalla fornitura dei servizi digitali realizzati nel corso dell’anno solare.

Si ottiene applicando l’aliquota del 3% dell’ammontare dei ricavi tassabili realizzati dal soggetto passivo e va versata entro il 16 Febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento.

Secondo quanto previsto (dall’art. 1, comma 37, L. 145/2019) sono servizi soggetti a tassazione:

  • la veicolazione su un’interfaccia digitale di una pubblicità mirata agli utenti della medesima interfaccia
  • la messa a disposizione di un’interfaccia digitale multilaterale che consente agli utenti di essere in contatto e di interagire con loro
  • la trasmissione dei dati raccolti da utenti e generati dall’utilizzo di un’interfaccia digitale

Non si considerano servizi digitali:

  • la fornitura diretta di beni e servizi nell’ambito di un servizio di intermediazione digitale;
  • la fornitura di beni e servizi ordinati attraverso il sito web del fornitore;
  • la messa a disposizione di un’interfaccia digitale per servizi di comunicazione e pagamento;
  • la messa a disposizione di un’interfaccia digitale utilizzata per gestire servizi bancari e finanziari.

I soggetti passivi tenuti al versamento dell’imposta devono tenere un’apposita contabilità per rilevare mensilmente le informazioni sui ricavi dei servizi imponibili.

Plastic tax

Con questa imposta, l’Italia non fa altro che adeguarsi alla normativa comunitaria (Direttiva 2019/904/UE), nell’ambito delle misure utili a ridurre la diffusione dei prodotti in plastica più nocivi per l’ambiente.

La norma, si applica sui manufatti che hanno o sono destinati ad avere funzione di “contenimento, protezione, manipolazione o consegna di merci o di prodotti alimentari”. L’importo da pagare è pari a 45 centesimi per kg di plastica contenuta nei MACSI.

L’imposta non si applica:

  • ai manufatti compostabili in conformità della norma UNI EN 13432:2002;
  • ai dispositivi medici;
  • ai manufatti adibiti a contenere e proteggere preparati medicinali.

L’obbligazione tributaria individua quali soggetti passivi:

  • per i MACSI realizzati nel territorio nazionale, il fabbricante;
  • per i MACSI provenienti da altri Paesi UE, il soggetto che li acquisti nell’esercizio dell’attività economica o che li ceda se i MACSI sono acquistati da un consumatore finale;
  • per i MACSI provenienti da Paesi terzi, l’importatore.

Sono previste delle sanzioni che vanno da 250 € a 5.000 € in caso di mancato pagamento dell’imposta, ritardo nel pagamento dell’imposta e tardiva presentazione della dichiarazione.

Si rileva la presenza di disposizioni di tipo incentivante volte a premiare i comportamenti virtuosi: è infatti previsto un credito d’imposta pari al 10% delle spese sostenute per l’adeguamento tecnologico mirato alla produzione di manufatti compostabili ai sensi dello standard EN 13432:2002 fino ad un importo massimo di 20.000 €.

Detrazioni fiscali per interventi di efficienza energetica

La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto importanti novità fiscali riguardo gli interventi di efficienza energetica.

In particolare, è stato interamente riscritto il comma 3.1 dell’art. 14 D.L. 63/2013, il quale al momento prevede che lo sconto in fattura sarà fruibile dal 1° Gennaio 2020 solo per gli interventi di ristrutturazione di primo livello e con un importo dei lavori pari o superiore a 200.000 €.

Inoltre, il soggetto avente diritto alle detrazioni può optare per un contributo sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto che sarà anticipato dal fornitore, il quale sarà rimborsato sotto forma di credito d’imposta in compensazione (tale credito è cedibile ai suoi fornitori di beni e servizi, ma non a banche e intermediari finanziari).

Sono state prorogate al 31 Dicembre 2020 le detrazioni IRPEF e IRES:

  • per le spese relative agli interventi di riqualificazione energetica, nella misura del 65% (ecobonus);
  • per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti;
  • per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, nella misura del 50%;
  • per gli interventi di ristrutturazione edilizia, nella misura del 50% nel limite di 96.000 €;
  • per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+, nella misura del 50%.

Infine, assume particolare rilievo il c.d. Bonus facciate (art.1, commi 219-224) con cui è stata introdotta una detrazione dell’imposta lorda in misura pari al 90% per le spese sostenute nel 2020 e relative ad interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici.

    Contattaci se l'argomento è di tuo interesse

    Ho preso visione delle informazioni sulla Privacy policy

    Acconsento OPEN S.R.L. in qualità di Titolare, all’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, newsletter,
    compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale con modalità di contatto automatizzate e tradizionali da parte del Titolare