12 Marzo 2020

Credito d’Imposta Fiere Internazionali per PMI

Il credito per chi partecipa ad eventi internazionali

La Legge di Bilancio 2020 ha disposto la proroga del credito in favore delle Pmi per la partecipazione a manifestazioni internazionali di settore e il raddoppio delle risorse finanziarie stanziate per il periodo d’imposta 2019.

L’agevolazione è stata introdotta dall’articolo 49 D.L. 34/2019 (c.d. Decreto Crescita) con l’obiettivo di migliorare il livello e la qualità di internazionalizzazione delle Pmi italiane finanziando determinate spese connesse alle fiere di settore a valenza internazionale organizzate nel territorio dello Stato o all’estero.

I periodi di imposta

Le modifiche alla disciplina apportate dall’articolo 1, comma 300, L. 160/2019 (c.d. Legge di bilancio 2020) rendono oggi applicabile il bonus fiere internazionali ai seguenti periodi:

  • periodo d’imposta 2019, fino ad esaurimento delle risorse stanziate pari a 10 milioni di euro;
  • periodo d’imposta 2020, fino ad esaurimento delle risorse stanziate pari a 5 milioni di euro.

Restano invariati gli ambiti applicativi soggettivo e oggettivo dell’agevolazione fiscale, nonché le modalità di determinazione del credito d’imposta.

Quali sono le spese incluse?

Per quanto concerne l’ambito applicativo oggettivo si precisa che non tutti gli oneri sostenuti nell’ambito della partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali di settore che si svolgono in Italia o all’estero sono agevolabili, ma solo le seguenti spese elencate dall’articolo 49, comma 2, D.L. 34/2019:

  • spese per l’affitto degli spazi espositivi;
  • spese per l’allestimento degli spazi espositivi;
  • spese per le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione, connesse alla partecipazione.

Per l’esatta individuazione delle tipologie di spese si rimanda al decreto attuativo del Mise, di concerto col Mef.

La tipologia di agevolazione

Il credito d’imposta è quantificato in misura pari al 30% delle spese ammissibili, entro il limite massimo di 60.000 euro, da assegnarsi con una procedura basata sull’ordine cronologico di presentazione delle relative domande.

Il credito è utilizzabile esclusivamente in compensazione (in caso di incapienza d’imposta la quota residua di è riportabile nei periodi d’imposta successivi) ed è riconosciuto nel rispetto delle condizioni e dei limiti della normativa UE in tema di aiuti de minimis.

Nulla dispone la Legge circa la disapplicazione dei seguenti limiti generali di compensazione, che ad oggi devono ritenersi valevoli per il credito d’imposta fiere internazionali:

  • limite applicabile ai crediti d’imposta agevolativi di 250 mila euro, di cui all’articolo 1, comma 53, L. 244/2007;
  • limite generale di compensabilità di imposte e contributi di 700 mila euro, di cui all’articolo 34 L. 388/2000

Sanzioni predisposte

Infine per le procedure di recupero nei casi di utilizzo illegittimo dei crediti d’imposta,  è stabilito che laddove l’Agenzia delle entrate accerti l’eventuale indebita fruizione del credito d’imposta, debba darne comunicazione al Mise che provvederà al recupero del relativo importo, maggiorato di interessi e sanzioni.

    Contattaci se l'argomento è di tuo interesse

    Ho preso visione delle informazioni sulla Privacy policy

    Acconsento OPEN S.R.L. in qualità di Titolare, all’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, newsletter,
    compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale con modalità di contatto automatizzate e tradizionali da parte del Titolare