27 Febbraio 2020

Apertura del Bando Disegni +4

Il prossimo 19 marzo sarà possibile presentare le domande per il bando Disegni +4, misura gestita da UNIONCAMERE destinata alla valorizzazione dei disegni e modelli industriali singoli o multipli, registrati a decorrere dal 01 gennaio 2018 e in corso di validità alla presentazione della domanda.

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo in conto capitale in regime de minimis.

I beneficiari

Tra i soggetti beneficiari troviamo le pmi attive aventi sede legale e operativa in Italia, regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese, nonché titolari dei disegni/modelli registrati oggetto del progetto di valorizzazione.

Restano invece escluse le imprese in stato di liquidazione o scioglimento, sottoposte a procedure concorsuali, passive di casistiche ex normativa antimafia, con precedenti amministrativi o ancora escluse dagli aiuti de minimis.

Modalità e tempistiche

I disegni/modelli che possono essere oggetto del bando devono essere registrati presso qualsiasi ufficio nazionale o regionale di proprietà intellettuale/industriale, a partire dal 1 Gennaio 2018 o comunque antecedentemente alla data di presentazione della domanda ed essere in corso di validità.

Il progetto dovrà concludersi entro 9 mesi dalla notifica del provvedimento di concessione, con facoltà di proroga non superiore a 3 mesi, da richiedere in via eccezionale con istanza motivata e soggetta ad approvazione da parte di UNIONCAMERE.

Può esser proposta una sola domanda per ogni disegno/modello singolo o multiplo e comunque una sola domanda per ogni impresa.

Breve scheda di misura

Obiettivo Bando a sportello per  la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei disegni/modelli sui mercati nazionale e internazionale.
Dotazione finanziaria 13.000.000,00 €
Soggetto gestore UNIONCAMERE
Soggetti beneficiari Imprese di micro, piccola e media dimensione titolari dei disegni/modelli registrati oggetto del progetto di valorizzazione. Quest’ultimi devono essere stati registrati a decorrere dal 1° gennaio 2018 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione ed essere in corso di validità.
Spese ammissibili Il progetto può prevedere alternativamente la Fase 1 o la Fase 2 o

Entrambe:

FASE 1 -PRODUZIONE

Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisizione dei seguenti servizi:

a.       ricerca sull’utilizzo dei nuovi materiali;

b.       realizzazione di prototipi;

c.       realizzazione di stampi;

d.       consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in

e.       produzione del prodotto/disegno;

f.        consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale;

g.       consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, ideazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online) strettamente connessa al disegno/modello.

FASE 2 COMMERCIALIZZAZIONE

Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisizione dei seguenti servizi:

a.       consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello;

b.       consulenza legale per la stesura di accordi di licenza del titolo di proprietà industriale;

c.       consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione.

Sono in ogni caso escluse le spese per l’acquisizione di servizi:

a. prestati da imprese che si trovino in rapporto di controllo/collegamento con l’impresa richiedente ai sensi dell’art. 2359 c.c. ovvero si riscontri tra i medesimi

soggetti, anche in via indiretta, una partecipazione, anche cumulativa, di almeno il 25%;

b. prestati da amministratori o soci dell’impresa richiedente o loro prossimi congiunti;

c. prestati da società nella cui compagine sociale siano presenti amministratori o soci dell’impresa richiedente.

Tipologia di agevolazione Contributo in conto capitale in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna Fase e per ciascuna tipologia di spesa:

Scadenze Sarà possibile avanzare le domande dal 19 marzo, fino esaurimento risorse
Note e criticità La presente misura agevolativa non si applica alle imprese escluse dagli aiuti «de minimis».

Potrà essere agevolata una sola domanda per impresa; il progetto deve essere concluso entro 9 mesi dalla notifica del provvedimento di concessione dell’agevolazione. L’erogazione dell’agevolazione sarà effettuata dal soggetto gestore direttamente sul conto corrente bancario indicato dall’impresa beneficiaria entro 60 giorni dalla ricezione della documentazione finale delle spese sostenute.

L’impresa può richiedere, a titolo di anticipazione e comunque entro 90 giorni dalla notifica del provvedimento di concessione dell’agevolazione, una prima quota dell’agevolazione nella misura massima del 50% dell’ammontare del contributo concesso, svincolata dall’avanzamento del progetto, previa presentazione di fideiussione bancaria, incondizionata ed escutibile a prima richiesta, rilasciata da primario istituto bancario, o polizza assicurativa, d’importo pari alla somma da erogare come anticipo.

    Contattaci se l'argomento è di tuo interesse

    Ho preso visione delle informazioni sulla Privacy policy

    Acconsento OPEN S.R.L. in qualità di Titolare, all’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, newsletter,
    compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale con modalità di contatto automatizzate e tradizionali da parte del Titolare